X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Ravvedimento con termini dubbi per la dilazione degli avvisi bonari

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 18 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In attesa che, in ottemperanza all’art. 6 della L. 23/2014, il legislatore delegato armonizzi, dal punto di vista del numero delle rate, delle cause di decadenza nonché del sistema sanzionatorio, le differenti dilazioni dei debiti tributari presenti nell’ordinamento, emergono incertezze sul ravvedimento operoso per il tardivo pagamento delle rate da dilazione degli avvisi bonari.

Come noto, ai sensi degli artt. 2-3-bis del DLgs. 462/97, il contribuente raggiunto da un avviso bonario può optare per la sua definizione pagando gli importi entro i successivi trenta giorni: in tal caso, le sanzioni da tardivo versamento sono ridotte a un terzo (liquidazione automatica) o due terzi (controllo formale).

Se si intende fruire del pagamento rateale degli importi, entro il suddetto termine bisogna ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU