X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

Depenalizzazione sulle ritenute previdenziali già rilevante

Secondo il Tribunale di Asti l’indicazione sugli importi non versati sotto i 10.000 euro della legge delega 67/2014 deve essere considerata dai giudici

/ Ciro SANTORIELLO

Mercoledì, 16 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Da tempo si discute dell’opportunità di sanzionare in sede penale condotte del singolo che di fatto si traducono in un semplice inadempimento di un’obbligazione pecuniaria nei confronti della Pubblica Amministrazione: si pensi, ad esempio, al mancato versamento degli acconti IVA, di cui all’art. 10-ter del DLgs. n. 74/2000 o delle ritenute previdenziali di cui all’art. 2 del DL 463/1983 conv. L. n. 638/1983.

Le ragioni di tali perplessità sono da rinvenire principalmente nella considerazione che principio fondamentale dello Stato democratico è che “non si va in prigione per debiti”, dovendo lo Stato reagire in sede penale solo a condotte che offendono gli interessi dell’Erario o della Pubblica Amministrazione con modalità fraudolente e truffaldine, mentre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU