X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prova della cessione intracomunitaria anche senza documento di trasporto

La ris. 71 chiarisce che, per la cessione di imbarcazioni da diporto, si possono usare altri mezzi idonei se non è possibile esibire tale documento

/ Barbara ROSSI e Fabio Tullio COALOA

Venerdì, 25 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

A distanza di circa un anno dalla ris. n. 19/2013, l’Agenzia delle Entrate è tornata ad occuparsi, con la risoluzione n. 71 di ieri, della prova delle cessioni intracomunitarie, con particolare riferimento al settore della nautica da diporto, ribadendo la possibilità, in capo al cedente nazionale, di provare la cessione con altri mezzi di prova, diversi dal CMR cartaceo, dall’insieme dei quali si possano però ricavare i dati in questo contenuti.

In merito, si ricorda che le cessioni intracomunitarie di beni sono disciplinate, a livello nazionale, dall’art. 41 del DL n. 331/1993, il quale ha recepito le disposizioni comunitarie contenute nell’art. 138, paragrafo 1 della Direttiva n. 2006/112/CE. In base al comma 1, lett. a) del menzionato art. 41, costituiscono cessioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU