X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Deducibili le spese legali conseguenti al ruolo di amministratore

Si tratta di spese che rientrano nel concetto di inerenza, in quanto correlate all’attività svolta

/ Alfio CISSELLO e Luca FORNERO

Martedì, 30 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un tema sempre attuale riguarda le contestazioni dell’Agenzia delle Entrate relative all’inerenza, e ciò sia per i possessori di reddito d’impresa che di lavoro autonomo.
Tra le varie ipotesi suscettibili di verificarsi nella pratica, può emergere il caso del dottore commercialista che, dopo aver ricoperto per anni il ruolo di amministratore di società, si trova costretto a dover sopportare ingenti spese legali a seguito dell’esercizio dell’azione sociale di responsabilità intentata dalla società amministrata.

Le spese, in detta fattispecie, non possono che essere deducibili, e detta affermazione è confermata dalla giurisprudenza (si veda la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Lodi 87 del 2014).
Ai sensi dell’art. 50 comma 1 lett. c-bis) del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU