X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Modifiche edilizie interne dei fabbricati per l’esercizio d’impresa più «semplici»

Se non riferite a parti strutturali, possono rientrare nella manutenzione ordinaria e quindi essere soggette a mera comunicazione d’inizio lavori

/ Stefano SPINA

Martedì, 30 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 17 del DL 12 settembre 2014 n. 133, meglio conosciuto come “Sblocca Italia”, porta in dote alcune misure di semplificazione in materia di edilizia, tra cui si segnala la possibilità di procedere al frazionamento oppure all’accorpamento delle unità immobiliari effettuando una comunicazione di inizio lavori (CIL) al posto della segnalazione di inizio attività (SCIA). Le novità, tuttavia, sono ben più numerose e, soprattutto, hanno anche un impatto in campo fiscale in quanto, soprattutto ai fini IVA, la natura di determinate operazioni, quale l’imponibilità oppure l’esenzione, dipendono dal titolo abilitativo sottostante l’intervento stesso.

Innanzitutto, a partire dal 13 settembre 2014, data di entrata in vigore del DL 133/2014, rientrano nelle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU