X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Decreto ingiuntivo del fideiussore per effetto della surroga con registro fisso

/ Massimo DE NARDI e Anita MAURO

Martedì, 21 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Si consolida l’orientamento del giudice di legittimità in ordine all’applicazione dell’imposta di registro in misura fissa, anziché proporzionale, ai decreti ingiuntivi ottenuti da parte del fideiussore nell’esercizio dei diritti spettanti per effetto della surrogazione (ex art. 1949 c.c.) – a seguito dell’escussione della garanzia da parte del creditore garantito – con riguardo a somme che concernono prestazioni o beni soggetti ad IVA; con ciò, tra l’altro, non si palesa alcun esplicito revirement rispetto alle contigue, ma altrove focalizzate, sentenze nn. 17237 e 17243/2013.

La Corte di Cassazione, infatti, con sentenza n. 19499 dello scorso 16 settembre, dà seguito a quanto già deciso con le sentenze – ex plurimis – nn. 16192, 16193, 16975, 16976, 16977/2014 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU