Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La «prima casa» spetta se la variazione anagrafica viene registrata con ritardo

Il dato anagrafico prevale sul dato fattuale, ma si deve tener conto della richiesta di variazione

/ Anita MAURO

Venerdì, 9 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’agevolazione prima casa spetta al contribuente che, entro 18 mesi dal rogito, abbia presentato la richiesta di trasferimento della residenza nel Comune in cui si trova l’immobile acquistato, anche se il cambiamento di residenza viene, poi, annotato con ritardo, oltre i predetti 18 mesi.
Lo chiarisce la Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 110, depositata ieri, 8 gennaio 2015.

La pronuncia esamina il requisito della “residenza”, prescritto dalla Nota II-bis all’art. 1 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86, per l’applicazione dell’agevolazione “prima casa”, che consente l’applicazione dell’imposta di registro al 2% o dell’IVA al 4% agli acquisti di determinate abitazioni (si veda “Prima casa vincolata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU