X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Mancato pagamento dell’IRAP «fuori» dalla dichiarazione infedele

La Cassazione esamina alcune questioni interpretative sul reato di cui all’art. 4 DLgs. 74/2000 e sull’omesso versamento di ritenute certificate

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 3 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza della Cassazione n. 4906 depositata ieri, sono state affrontate numerose questioni in materia di reati tributari.

In primo luogo, la Suprema Corte si sofferma sul tema del superamento delle soglie di punibilità previste dall’art. 4 del DLgs. 74/2000 (dichiarazione infedele), con particolare riguardo a quella relativa al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione. Il punto che viene censurato dal ricorrente riguarda la base imponibile alla quale si fa riferimento per calcolare la predetta percentuale: nel procedimento si confrontavano, infatti, due diverse “basi”, quella inizialmente quantificata dall’Agenzia delle Entrate negli avvisi di accertamento e quella ricalcolata a seguito di accertamento con adesione intervenuto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU