Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

FISCO

Sugli immobili vince la voluntary disclosure

Per Paesi come Svizzera o Monaco, le sanzioni contestate possono essere inferiori, anche se resta una procedura più complessa del ravvedimento

/ Alfio CISSELLO e Salvatore SANNA

Mercoledì, 4 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

La procedura di voluntary disclosure rappresenta forse l’ultima chance a disposizione dei contribuenti che devono ancora far emergere per il Fisco italiano gli investimenti illecitamente detenuti all’estero.
Una delle violazioni che possono essere oggetto di regolarizzazione è la mancata dichiarazione degli immobili situati all’estero e dei redditi da essi prodotti.

A partire dal modello UNICO 2010, infatti, devono essere indicati all’interno del modulo RW tutti gli immobili detenuti all’estero, anche se non produttivi di reddito. Pertanto, se tale indicazione è stata omessa, il contribuente, per regolarizzare la propria posizione, deve scegliere tra aderire alla voluntary disclosure oppure applicare il nuovo istituto del ravvedimento come riformato dalla legge di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU