Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Iscrizione d’ipoteca, per la soglia rilevano anche i debiti non tributari

Secondo la Suprema Corte, per il raggiungimento del limite si deve far riferimento a tutti i crediti iscritti a ruolo, compresi quelli di natura previdenziale

/ Leda Rita CORRADO

Giovedì, 8 ottobre 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella sentenza n. 20055 di ieri, la Cassazione ha affrontato la questione concernente la rilevanza dei crediti previdenziali ai fini del superamento della soglia necessaria per l’iscrizione ipotecaria, nell’ipotesi in cui il giudice tributario abbia declinato la propria giurisdizione.

Prima di tutto, si ricorda che l’iscrizione ipotecaria è ammessa solo se il credito vantato dall’Agente della riscossione supera un certo importo e ciò al fine di evitare l’attivazione di procedure di espropriazione immobiliare dai costi superiori rispetto alle somme astrattamente conseguibili. Il legislatore ha ripetutamente modificato la soglia minima: si è passati dagli 8.000 euro, indicati nel DL n. 40/2010 (cfr. Cass. SS.UU. n. 4077/2010), ai 20.000 euro, fissati dal DL n. 70/2011. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU