X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Disciplina CFC con possibili distorsioni

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Sabato, 1 ottobre 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circ. n. 35/2016 offre diversi spunti di riflessione su corretta applicazione della disciplina CFC e modalità di tassazione di dividendi e plusvalenze da partecipazioni estere. Si ritiene utile soffermarsi su due indicazioni per il loro rilievo e le possibili conseguenze.

Riguardo alle regole di determinazione del reddito da tassare eventualmente per trasparenza, l’art. 167 comma 6 del TUIR, dopo l’intervento del DLgs. 147/2015, dispone che ci si debba riferire alle disposizioni applicabili ai soggetti residenti titolari di reddito d’impresa, eccetto l’art. 86 comma 4 del medesimo Testo Unico.
Il passaggio di legge è interpretato dalla circ. nel senso che non è necessario differenziare la disciplina applicabile in ragione della natura o attività del soggetto estero, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU