X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I termini per la detrazione IVA «ripartono» dalla rettifica

In caso di accertamento il dies a quo è correlato all’emissione della nota di debito

/ Luca BILANCINI e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 13 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il diritto alla detrazione della maggior IVA richiesta dal cedente o prestatore in ragione di eventuali accertamenti subiti, decorre dalla data di emissione dei documenti di rettifica e non da quella in cui sono state emesse le fatture originarie. Il principio, già sostanzialmente presente nel nostro ordinamento in forza di quanto disposto dall’art. 60 del DPR 633/72, è stato affermato dalla Corte di Giustizia europea nella sentenza depositata ieri, relativa alla causa C-8/17, Biosafe vs Flexipiso.

I giudici dell’Ue, nelle motivazioni della pronuncia, ricordano che sebbene, ai sensi dell’art. 167 della direttiva 2006/112/CE, il diritto alla detrazione sorga quando l’imposta diviene esigibile, “il suo esercizio è possibile, ai sensi dell’art. 178 della direttiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU