X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La delega su conto intestato a terzi legittima l’accertamento bancario

L’esistenza di una delega determina un’inversione dell’onere probatorio a carico del contribuente con potere di firma

/ Dario AUGELLO

Sabato, 21 aprile 2018

Con l’ordinanza n. 9845/2018, in materia di accertamento bancario, la Cassazione ribadisce che in caso di formale delega a operare su conto corrente intestato a terzi, spetta al contribuente dimostrare che le movimentazioni contestate non sono riconducibili a entrate proprie e non dichiarate.

La questione non concerne unicamente la presunzione legale applicabile all’imprenditore, ma gli accertamenti bancari in generale ex art. 32 del DPR 600/73, poiché viene in rilievo la prova della titolarità delle movimentazioni e non la dimostrazione che le somme contestate provengono da redditi evasi. L’autorizzazione a operare su conto corrente intestato a terzi non costituisce comunque prova assoluta di fittizietà del rapporto bancario o di interposizione: il contribuente è sempre ammesso

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU