X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Il Caso del Giorno

Reverse charge ampio per le cessioni di fabbricati da parte di non residenti

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Venerdì, 10 agosto 2018

Nell’ambito delle operazioni immobiliari, la determinazione del trattamento IVA applicabile può presentare alcune difficoltà nelle ipotesi in cui un fabbricato, pur essendo ubicato in Italia, sia ceduto da un soggetto non residente nel territorio dello Stato.

Si consideri il caso di una società stabilita in un altro Stato dell’Unione europea, priva di stabile organizzazione in Italia, che cede un fabbricato sito in Italia a un’impresa nazionale.
L’operazione è territorialmente rilevante ai fini IVA in Italia, in quanto, a norma dell’art. 7-bis del DPR 633/72, le cessioni di beni immobili si considerano effettuate nel luogo in cui l’immobile è localizzato indipendentemente da dove risulta stabilito il cedente.

La questione verte, in primis, sull’individuazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU