X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non passa il controllo il file fattura troppo «pesante»

Le specifiche tecniche fissano il limite dimensionale in 5 megabytes

/ Luca BILANCINI e Simonetta LA GRUTTA

Mercoledì, 18 luglio 2018

Nella scelta del tipo di canale da utilizzare per trasmettere le fatture elettroniche, gli operatori non potranno prescindere da valutazioni che concernono non soltanto le dimensioni del singolo file, che non possono eccedere il limite massimo di 5 megabytes qualsiasi sia il “mezzo” prescelto per l’invio, ma anche, e soprattutto, il numero di fatture che devono essere inviate.
Se la decisione può risultare più semplice per le imprese e i professionisti che emettono un ridotto numero di fatture, la valutazione assume ben altro significato per i soggetti il cui numero di fatture emesse è notevole.

Le specifiche tecniche di cui all’Allegato B del DM 3 aprile 2013 n. 55 in tema di fattura elettronica verso la P.A., così come quelle allegate al provvedimento n. 89757/2018, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU