X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 19 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Draghi conferma tassi bassi ancora a lungo

La Bce rivede leggermente al ribasso le proiezioni di crescita per quest’anno e il prossimo, lasciando invece invariate quelle per il 2020

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 14 settembre 2018

La giornata di ieri è stata caratterizzata dalla riunione della Bce e dai dati sull’inflazione Usa.
La Banca centrale europea ha confermato le stime sull’inflazione di qui al 2020 e ha invece rivisto leggermente al ribasso le proiezioni di crescita per quest’anno e il prossimo, lasciando invece invariate quelle per il 2020. Le stime sono a 1,7% per il triennio 2018-2020. La crescita è stata rivista leggermente al ribasso al 2,0% dal 2,1% di giugno e a 1,8% da 1,9% di giugno. Resta invece invariata la stima per il 2020 a 1,7%.
Le politiche protezionistiche e le turbolenze su diversi mercati si sono riverberati su alcuni indicatori economici (segui costo del funding e tassi su www.ildirettorefinanziario.it).

Sul fronte tassi ufficiali nessuna novità: refi a zero, depo a -0,40% ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU