X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Detrazione IVA ammessa per l’acquisto dell’abitazione trasformata in albergo

Ai fini del requisito dell’inerenza occorre considerare le iniziative intraprese dal cessionario

/ Mirco GAZZERA

Lunedì, 22 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella sentenza n. 23994 del 3 ottobre 2018, la Corte di Cassazione ha sancito che non si applica l’indetraibilità oggettiva per l’IVA assolta sull’acquisto di un immobile a destinazione abitativa, qualora sia poi trasformato dall’acquirente in una struttura alberghiera a seguito dei lavori di ristrutturazione eseguiti. Il mancato esercizio dell’attività ricettiva da parte del cessionario, al momento dell’acquisto, non esclude di per sé la sussistenza del requisito dell’inerenza.

Con riguardo all’inerenza dell’operazione all’esercizio dell’impresa, è stato richiamato il principio consolidato secondo il quale soddisfa il predetto requisito “anche l’acquisto di beni e servizi destinati alla costituzione delle condizioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU