X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Diritto di abitazione del convivente superstite fuori dalla dichiarazione di successione

L’Agenzia delle Entrate ha affrontato il tema con una nuova risposta a interpello

/ Anita MAURO e Cecilia PASQUALE

Sabato, 13 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il diritto di abitazione spettante, a norma dell’art. 1 comma 42 della L. 76/2016, al convivente di fatto del defunto, non deve essere indicato nella dichiarazione di successione, in quanto si tratta di un diritto personale di godimento attribuito ad un soggetto che non è erede o legatario. Questa è la conclusione cui perviene l’Agenzia delle Entrate nella risposta ad interpello n. 37 pubblicata ieri.

Si ricorda che, nell’ambito della L. 76/2016, che ha disciplinato le convivenze e le unioni civili, è stato previsto, dall’art. 1 comma 42 che: “In caso di morte del proprietario della casa di comune residenza il convivente di fatto superstite ha diritto di continuare ad abitare nella stessa per due anni o per un periodo pari alla convivenza se superiore a due anni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU