X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il sequestro per equivalente ha sempre natura residuale

Il risparmio sui conti correnti coincide con il profitto dell’indebita compensazione

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 16 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente è residuale rispetto a quello che interessa direttamente il profitto del reato.
L’art. 12-bis del DLgs. 74/2000 – e, prima ancora, l’art. 1 comma 143 della L. 244/2007, nonché l’art. 322-ter c.p. – configura la confisca di valore come sussidiaria rispetto alla confisca diretta o in forma specifica, che invece colpisce il prezzo o il profitto del reato. Quest’ultimo è costituito da qualsivoglia vantaggio economico derivante in via diretta ed immediata (c.d. nesso di pertinenzialità) dalla commissione dell’illecito e può, dunque, essere individuato anche nei beni acquisiti con l’impiego dell’immediato profitto del reato (c.d. surrogati) ovvero può consistere, come spesso accade nei reati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU