X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 24 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Erogazioni per il welfare aziendale con indicazione del soggetto fruitore

Il pagamento dei servizi può avvenire anche in contanti

/ Pamela ALBERTI

Sabato, 9 febbraio 2019

L’Agenzia delle Entrate, nelle risposte a Telefisco, ha fornito alcuni chiarimenti in merito all’esclusione dal reddito di lavoro dipendente delle erogazioni per il welfare aziendale, disciplinate dall’art. 51 comma 2 del TUIR.

I chiarimenti riguardano principalmente la lettera f-bis) del comma 2 dell’art. 51 del TUIR, la quale dispone la non concorrenza al reddito di lavoro dipendente delle somme, dei servizi e delle prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell’art. 12 del TUIR, dei servizi di educazione e istruzione anche in età prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonché per la frequenza di ludoteche e centri estivi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU