X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Apposite dichiarazioni doganali e dazi in caso di «no deal» Brexit

Il 29 marzo prossimo il Regno Unito uscirà dall’Unione europea ma ancora molte sono le incertezze che riguardano i futuri rapporti fra Uk e Ue

/ Pier Paolo GHETTI e Nicola SCALA

Sabato, 9 febbraio 2019

Il 29 marzo 2019 è ormai alle porte. In tale data scadrà il termine di due anni previsto dall’art. 50 del Trattato sull’Unione europea, che contiene la clausola di recesso dall’Unione invocata da Theresa May in seguito al referendum consultivo tenutosi in Gran Bretagna nel giugno del 2016.

In assenza di un’approvazione “last minute” di un accordo fra Uk e Ue, un’opzione che sembra sempre più remota, tutta la normativa Ue cesserà di applicarsi al Regno Unito che diventerà, a decorrere da tale data, un Paese terzo a tutti gli effetti.
Il cosiddetto withdrawal agreement, frutto della negoziazione degli scorsi due anni e contenente la disciplina di un periodo transitorio che avrebbe consentito l’estensione dell’applicazione di tutta la normativa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU