X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Fatture «fuori campo» dentro l’esterometro

Anche per le operazioni prive del requisito di territorialità IVA pare dovuta la comunicazione se sussiste obbligo di emettere la fattura

/ Luca BILANCINI e Emanuele GRECO

Giovedì, 21 marzo 2019

La comunicazione delle operazioni transfrontaliere (c.d. “esterometro”) è relativa ai dati delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi che intercorrono con “soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato” (art. 1 comma 3-bis del DLgs. 127/2015).

In termini generali, si può affermare che la comunicazione include, sul fronte delle operazioni attive, tra le altre, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi che hanno come destinatari soggetti non residenti e non stabiliti in Italia.
Se l’operazione è soggetta agli obblighi di fatturazione, sembrerebbe, dunque, irrilevante la circostanza che la cessione o prestazione abbia rilevanza territoriale in Italia.

Neppure assume rilievo, ai fini della comunicazione, il fatto che il destinatario del bene o servizio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU