ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rettifica del reddito estero con «salvacondotto» per il contribuente

L’Agenzia fa salvi gli effetti connessi al ricalcolo delle eccedenze di imposta estera, da compensare con la maggiore imposta dovuta

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 25 marzo 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare n. 4 del 21 marzo 2019 ha analizzato, al paragrafo 3, i riflessi dell’accertamento di un maggiore imponibile in Italia sullo scomputo delle imposte estere, per i contribuenti italiani che dispongono di eccedenze di imposta estera non utilizzate.

Il principio, comune a quello espresso in materia di perdite fiscali, è quello per cui, in caso di rettifica dell’imponibile in Italia, occorre ricostruire ex post la situazione che si sarebbe realizzata se il contribuente avesse sin da subito dichiarato il proprio imponibile in misura corretta. Da ciò discende:
- il ricalcolo della quota di imposta italiana, che costituisce il (primo) limite entro cui è possibile detrarre l’imposta estera;
- il conseguente ricalcolo delle eccedenze di imposta estera;
- la possibilità di richiedere, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU