X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Traffico illecito di rifiuti anche con una struttura organizzativa imprenditoriale

La Cassazione ricorda che il risparmio nella gestione dei rifiuti integra l’ingiusto profitto

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 13 aprile 2019

L’art. 452-quaterdecies c.p. prevede come delitto la condotta di chi, al fine di conseguire un ingiusto profitto, con più operazioni e attraverso l’allestimento di mezzi e attività continuative organizzate, cede, riceve, trasporta, esporta, importa, o comunque gestisce abusivamente ingenti quantitativi di rifiuti. La pena è aumentata se si tratta di rifiuti ad alta radioattività. Inoltre, in caso di condanna, è sempre ordinata la confisca del profitto ottenuto dalla commissione dell’illecito.
La Corte di Cassazione nella sentenza n. 16056, depositata ieri, ha affrontato un caso in cui era stata applicata la custodia cautelare in carcere al socio e amministratore di una srl perché, avvalendosi della disponibilità di mezzi riferibili alla società, quali gru e autocarri – nella ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU