X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Solo il sostituto è responsabile per le ritenute operate ma non versate

Le Sezioni Unite affermano un principio espressione di grande civiltà giuridica

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 13 aprile 2019

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 10378 depositata ieri, ha posto fine ad uno degli orientamenti giurisprudenziali, in voga negli ultimi anni, che forse mai come altri hanno leso i diritti del contribuente.

Ma non del contribuente evasore, o del contribuente che, in prima persona, ha commesso una qualche inosservanza della legge tributaria, bensì del contribuente che, avendo del tutto legittimamente scomputato le ritenute di acconto subite, si trovava a dover restituire quanto scomputato (più, “naturalmente”, le sanzioni) in ragione del fatto che il sostituto, nonostante l’effettuazione della ritenuta, non l’aveva poi versata all’Erario.

I giudici, nel rigettare questo orientamento privo di un qualsivoglia fondamento normativo, rilevano che, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU