X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Imposta da rivalutazione non rimborsabile agli eredi

Secondo la Cassazione la scelta del contribuente non rientra tra le dichiarazioni di scienza che possono essere corrette ex art. 1428 c.c.

/ Salvatore SANNA

Sabato, 13 aprile 2019

L’art. 1 commi 1053-1054 della L. 145/2018 (legge di bilancio 2019) ha prorogato il regime della rideterminazione del costo delle partecipazioni non quotate detenute al di fuori dal regime di impresa, originariamente previsto dall’art. 5 della L. 448/2001.

Applicando la nuova proroga, un soggetto non imprenditore può assumere, in luogo del costo o valore di acquisto, il valore al 1° gennaio 2019 delle partecipazioni non quotate come indicato in un’apposita perizia, assolvendo entro il 1° luglio 2019 (il 30 giugno cade di sabato) l’imposta sostitutiva dell’11 o del 10% a seconda che si tratti di partecipazioni qualificate o non qualificate.

Anche per quest’anno sarà possibile optare per il versamento rateale dell’imposta sostitutiva. In questo caso, entro ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU