Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / IAS

A Conto economico i costi accessori delle aggregazioni aziendali

Per l’IFRS 3 i costi direttamente attribuibili all’acquisizione rappresentano il corrispettivo pagato dall’acquirente a fronte dei servizi ricevuti

/ Andrea BITTI, Luca MIELE e Alessandro SURA

Lunedì, 20 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel sistema dei principi contabili internazionali i costi accessori delle aggregazioni aziendali sono imputati al Conto economico e sono deducibili, per l’intero, nell’esercizio in cui sono sostenuti.

Dal punto di vista contabile, l’IFRS 3 stabilisce che i costi direttamente attribuibili all’acquisizione vanno imputati al Conto economico in quanto non fanno parte dello scambio di fair value tra l’acquirente e il venditore per l’attività aziendale, ma rappresentano, invece, il corrispettivo pagato dall’acquirente a fronte dei servizi ricevuti (§ BC366 delle Basis for Conclusions dell’IFRS 3). In altre parole, nel sistema IAS il costo di acquisizione dell’investimento non deve essere “inquinato” dai costi di transazione che non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU