X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Facoltativa l’integrazione «elettronica» nel reverse interno

Per l’estrazione da deposito IVA autofattura elettronica obbligatoria in caso di incremento di valore del bene

/ Luca BILANCINI e Simonetta LA GRUTTA

Mercoledì, 19 giugno 2019

Per comprendere quale sia l’orientamento dell’Amministrazione finanziaria in relazione all’eventuale adozione della fattura elettronica per l’adempimento degli obblighi relativi al reverse charge, può essere utile analizzare il testo della circolare 17 giugno 2019 n. 14. Pur non esistendo, nel documento di prassi, alcun riferimento all’utilizzo delle procedure “tradizionali” di integrazione della e-fattura nel reverse interno, a tale conclusione si può giungere, per deduzione, attraverso la lettura dei paragrafi dedicati all’inversione contabile e all’estrazione di beni dai depositi IVA.

Preliminarmente è opportuno sottolineare come l’Agenzia, meglio precisando quanto precedentemente affermato nella FAQ n. 36, pubblicata il 27 novembre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU