X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 14 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Con fondo patrimoniale e debito del coniuge professionista opponibilità a rischio

Si impone all’opponente di dimostrare sia l’estraneità dell’obbligazione alle esigenze familiari, sia la consapevolezza del titolare del credito

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Venerdì, 5 luglio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

In presenza di un fondo patrimoniale, il tentativo di opporre il divieto di cui all’art. 170 c.c. ad azioni di recupero erariale che non paventino profili di responsabilità penale, nel momento in cui l’oggetto del contendere siano i debiti fiscali sorti a seguito dell’attività svolta dal coniuge, è questione assai dibattuta: il rischio che risulti infruttuoso, tuttavia, è alto.

La Cassazione fa sua, da tempo, la tesi secondo cui l’identificazione dei debiti per i quali può avere luogo l’esecuzione sui beni del fondo non possa dipendere dalla natura dell’obbligazione (ex contractu o ex delicto): in ogni caso, ad avviso dei giudici di legittimità, si deve prestare attenzione esclusiva al criterio della relazione tra il fatto giuridico che ha dato origine alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU