X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Possibile utilizzare una lettera di intento a copertura di più importazioni

L’Agenzia delle Dogane si sofferma sulle novità del DL n. 34/2019 e sull’estrazione dei beni dai depositi IVA con autofattura elettronica

/ Lorenzo UGOLINI

Mercoledì, 17 luglio 2019

L’Agenzia delle Dogane, con le note nn. 69283 e 73328 pubblicate ieri, è intervenuta, rispettivamente, sulle novità apportate dal DL 34/2019 (conv. L. 58/2019) in merito alle lettere d’intento e alle modalità di pagamento dei diritti doganali, nonché sul trattamento delle autofatture emesse per l’estrazione dei beni da un deposito IVA.

Con la nota n. 69283/2019, l’Ufficio ha commentato la modifica sostanziale apportata all’art. 1, comma 1, lett. c) del DL 746/83, in base a cui, dal 1° gennaio 2020, gli esportatori abituali continueranno a trasmettere telematicamente la dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate, che ne rilascerà sempre ricevuta telematica, ma non dovranno più consegnare al proprio fornitore o prestatore ovvero in dogana la dichiarazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU