X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prove di origine preferenziale dalla vidimazione all’autodichiarazione

Strategiche le semplificazioni derivanti dallo status di esportatore autorizzato e registrato

/ Pier Paolo GHETTI e Serena PELLEGRI

Giovedì, 1 agosto 2019

La certificazione dell’origine preferenziale può avvenire tramite certificati EUR-1, EUR-MED e FORM-A.
Tali certificati vengono rilasciati dai competenti Uffici territoriali delle Dogane, su apposita richiesta formulata dal soggetto esportatore o da un suo rappresentante.
La presentazione della domanda di rilascio, come chiarito nella circ. n. 11/D del 28 aprile 2010 (confermata dalla nota n. 65142 dell’11 maggio 2010), completa di tutte le informazioni e dei documenti dovuti, deve avvenire “entro il limite dei dieci giorni antecedenti la presunta data di presentazione della dichiarazione doganale”.

Ai fini di accelerare l’iter di rilascio del certificato l’istruttoria può essere “calibrata” in funzione della conoscenza degli operatori economici ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU