X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riassunzione telematica post Cassazione con qualche dubbio

La soluzione può essere argomentata sulla base della natura del giudizio di rinvio

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 6 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 16 comma 5 del DL 119/2018 ha introdotto l’obbligo di utilizzare il canale telematico per i giudizi tributari instaurati in primo e in secondo grado con atto notificato a decorrere dal 1° luglio 2019.

Un aspetto di assoluta rilevanza riguarda l’individuazione delle modalità di instaurazione del giudizio di riassunzione ex art. 63 del DLgs. 546/92 a seguito di rinvio operato dalla Corte di Cassazione.
La norma circoscrive, infatti, l’ambito obbligatorio di applicazione del canale telematico “ai giudizi instaurati in primo e secondo grado”, senza però occuparsi espressamente del giudizio di rinvio, la cui peculiare natura avrebbe reso indispensabile un richiamo espresso da parte del legislatore.
Nemmeno la circolare del MEF del 4 luglio 2019 si è espressamente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU