X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente sospensione del rimborso IVA se l’accertamento è annullato in Regionale

La Provinciale di Reggio Emilia ritiene non applicabile l’art. 69 del RD 2240/23 alla materia tributaria

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Lunedì, 9 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Va annullato il provvedimento di sospensione del rimborso IVA, emesso ex art. 23 del DLgs. 472/97, se il controcredito vantato dall’Amministrazione finanziaria è contenuto in un atto impositivo già annullato dalla Regionale, con giudizio pendente in Cassazione. In tale ipotesi, l’Agenzia delle Entrate non può neppure invocare a sostegno del proprio operato l’art. 69 del RD 2440/23, intanto perché ha originariamente fondato la sospensione su una diversa norma di legge e comunque perché l’art. 69 non è applicabile in ambito tributario.
Sono questi gli importanti principi ribaditi nella sentenza del 9 maggio 2019 n. 114/2/2019 della Provinciale di Reggio Emilia.

Nel caso oggetto di giudizio, la società contribuente ricorreva contro il provvedimento di sospensione di un rimborso

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU