X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Enti pubblici esclusi dalle procedure di composizione della crisi

Il Codice della crisi risolve la dibattuta questione sui presupposti di ammissibilità

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Lunedì, 9 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 6, comma 1 della L. n. 3/2012, le procedure di sovraindebitamento sono state introdotte, con la finalità di porre rimedio alle situazioni di sovraindebitamento non soggette né assoggettabili a procedure concorsuali diverse. Tale principio è stato tradotto in uno dei presupposti di ammissibilità della domanda. Nello specifico, ai sensi del combinato disposto degli artt. 7, comma 2, lett. a) e 14-ter, comma 1, la proposta di accordo o piano o la domanda di liquidazione non è ammissibile quando il debitore, anche consumatore, sia soggetto a procedure concorsuali diverse.

Sulla scorta di tale principio, il Tribunale di Treviso, con decreto del 9 dicembre 2015, ha omologato una proposta di accordo presentata da un ente pubblico (IPAB), ritenendo integrato il presupposto di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU