X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 15 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Trasformazione del bonus di 80 euro con «rischio incapienti»

Senza accorgimenti, la trasformazione in maggior detrazione per lavoro dipendente inciderebbe sui livelli di incapienza

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 8 agosto 2019

L’annuncio da parte del Governo della volontà di trasformare il c.d. “bonus 80 euro” in un aumento della detrazione per redditi di lavoro dipendente costituisce sul piano tecnico una scelta condivisibile che consentirà di fare chiarezza sul livello di pressione fiscale effettivamente esercitato sui redditi di lavoro dipendente di fascia medio-bassa e, a livello macro, sul livello di pressione fiscale effettivamente esercitato dall’Erario, senza più bisogno di esporre il dato, anche nei documenti di finanza pubblica, nella sua misura “al lordo” e “al netto” degli oltre 9,5 miliardi di entrate tributarie cui lo Stato rinuncia a fronte del bonus utilizzabile in compensazione.

È una scelta che probabilmente sarebbe stato opportuno fare già in occasione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU