X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per joint venture tra soggetti esteri in partecipate italiane utile la trasparenza fiscale

/ Marco MARANI

Giovedì, 8 agosto 2019

Anche se non ne sono mai state compiutamente approfondite le motivazioni, è indiscusso che la trasparenza fiscale sia, tra gli istituti introdotti con la riforma del 2003, quello meno utilizzato.
Esistono in realtà situazioni nelle quali tale regime, che consente dietro opzione di imputare il reddito di società di capitali residenti sui soci indipendentemente dalla percezione degli utili, merita invece di esser sfruttato.

Nell’ambito dell’art. 115 del TUIR sono ammesse al regime di trasparenza fiscale anche le società italiane partecipate da soci residenti all’estero ed è per questo che la trasparenza fiscale diventa uno strumento di fiscalità di gruppo piuttosto utile nelle ipotesi di joint venture tra soggetti esteri in una partecipata italiana, in cui nessun socio ha la maggioranza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU