X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Nuova normativa sui rider con profili problematici

Il testo approvato dal Governo a tutela dei ciclofattorini lascia aperte diverse questioni che rischiano di renderne difficile l’applicazione

/ Luca NEGRINI

Lunedì, 12 agosto 2019

Il testo del decreto legge approvato, salvo intese, nei giorni scorsi dal Consiglio dei Ministri contiene alcune disposizioni a tutela dei rider, ma rischia di rappresentare un’occasione persa per disciplinare in modo organico la materia.

Il provvedimento ha innanzitutto una portata limitata, perché si è scelto di identificare i lavoratori che prestano la loro attività tramite piattaforme digitali in modo riduttivo. Il nuovo art. 47-bis, introdotto nel DLgs. 81/2015, definisce infatti tali piattaforme come le procedure informatiche gestite da imprese che mettono in relazione per via elettronica le persone “per le attività di consegna dei beni”, determinando caratteristiche e corrispettivo della prestazione.
Si è così dimenticato che le prestazioni lavorative offerte sul mercato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU