X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Regole antiriciclaggio ad hoc per i sindaci revisori

Gli obblighi di adeguata verifica devono essere assolti individualmente da ciascun sindaco al primo contatto utile con la società

/ Luciano DE ANGELIS

Lunedì, 19 agosto 2019

I sindaci con funzione di revisione legale di società non destinatarie del DLgs. 231/2007 dovranno volgere individualmente l’adeguata verifica. Questa dovrà essere effettuata al primo contatto utile con la società.
È quanto si legge nelle linee guida del CNDCEC, emanate lo scorso maggio, che prospettano per i 120.000 dottori commercialisti l’onere di provvedere alla prima autovalutazione del rischio entro il 1° gennaio 2020.

In primo luogo, viene chiarito che nelle società ordinarie di tipo industriale o commerciale (cioè non destinatarie della normativa antiriciclaggio, come, ad esempio, banche, SIM, SGR, Sicav, fiduciarie, confidi, ecc.) dotate di organo di controllo collegiale con funzione di revisione legale, gli obblighi di adeguata verifica devono essere assolti individualmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU