X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 4 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Compenso personalizzato per i curatori che si succedono nel fallimento

È necessario il contraddittorio tra i curatori e la motivazione della liquidazione

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 6 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con ordinanza n. 22272, depositata ieri, la Cassazione ritorna sul tema della determinazione del compenso spettante ai curatori fallimentari succeduti nell’incarico durante la procedura, rimarcando l’orientamento secondo cui, ove il Tribunale sia chiamato alla liquidazione del compenso complessivo ed al successivo riparto, l’unitarietà della situazione sostanziale impone la partecipazione al procedimento di cui all’art. 39 del RD 267/42 di tutti i curatori che hanno rivestito l’esercizio della funzione, al fine di individuare la frazione spettante a ciascuno nel rispetto del principio del contraddittorio. La liquidazione del compenso, inoltre, deve essere personalizzata per ciascuno dei curatori, tenendo conto delle attività svolte e dei risultati conseguiti.

Per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU