X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’interpretazione sull’innovazione non cambia l’ambito del bonus R&S

Il principio espresso dalla risoluzione n. 40/2019 ribadisce le posizioni passate

/ Pamela ALBERTI

Lunedì, 23 settembre 2019

Con riferimento al credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, la risposta a interrogazione parlamentare n. 5-02356 dello scorso 26 giugno analizza gli effetti della ris. Agenzia delle Entrate 40/2019, che, a parere degli interroganti, avrebbe modificato in via interpretativa e, quindi, con effetto retroattivo, i criteri di individuazione degli investimenti ammissibili all’agevolazione (si veda “Bonus R&S escluso per l’innovazione di processo sul software” del 3 aprile 2019).

Al riguardo, la risposta n. 5-02356 precisa che con la citata risoluzione n. 40/2019 l’Agenzia non ha introdotto alcuna modifica dei criteri di individuazione delle attività ammissibili al credito d’imposta.
La citata risoluzione, infatti, contiene una ricognizione delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU