X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Esenzione per trasferimenti della nuda proprietà di partecipazioni con patto di famiglia

L’esenzione prevista dall’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/1990 si applica però a condizione che sia attribuito convenzionalmente anche il diritto di voto

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 4 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Uno degli strumenti volti ad attuare il passaggio generazionale di impresa è rappresentato dal patto di famiglia, ovvero il contratto con cui il titolare di partecipazioni societarie può trasferire a uno o più discendenti le proprie quote, in tutto o in parte.

Alla luce del dato letterale, la misura parziale del trasferimento può riguardare sia la stessa partecipazione (e, pertanto, il titolare potrebbe trasferire anche solo una frazione della stessa), sia il diritto che insiste sulla partecipazione (e, pertanto, il titolare può trasferirne la nuda proprietà ovvero potrebbe sulla stessa costituire a favore dei beneficiari il diritto di usufrutto).

Dal punto di vista fiscale, il trasferimento di partecipazioni in favore dei discendenti nell’ambito di un patto di famiglia può essere molto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU