X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nell’autoriciclaggio punito il disvalore aggiuntivo

/ REDAZIONE

Sabato, 12 ottobre 2019

La Cassazione, nella sentenza n. 41686/2019, ha precisato come, con l’introduzione della fattispecie di autoriciclaggio (art. 648-ter.1 c.p.), la scelta del legislatore sia stata quella di identificare condotte che, a suo giudizio, sono espressive di un disvalore aggiuntivo rispetto al delitto presupposto, senza procedere all’eliminazione della clausola di riserva di cui all’art. 648-bis c.p. (riciclaggio), ma lavorando sulla condotta di reimpiego, apportandovi dei correttivi una volta riferita all’autore o concorrente nel delitto presupposto.

L’autoriciclaggio, quindi, si distingue dall’art. 648-bis c.p.:
- sia perché nel riciclaggio sono puniti anche i comportamenti diversi dalla sostituzione e dal trasferimento (“altre operazioni”) che ostacolano la rintracciabilità del provento;
- sia perché nell’autoriciclaggio le condotte di laundering devono risolversi in un impiego in attività economiche e finanziarie, e rivelarsi “autenticamente frappositive, idonee a recare concreto ostacolo alla identificazione del provento Illecito”. Il nuovo delitto si differenzia, infatti, anche dal reimpiego di cui all’art. 648-ter c.p., il quale non contempla – a differenza del primo – alcun profilo di necessaria decettività della condotta.

TORNA SU