X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 5 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Detrazione IVA per i servizi infragruppo se è contestata l’inerenza del costo

Il meccanismo dell’IVA si basa su presupposti differenti da quello dell’imposizione diretta

/ Sara BERNARDI

Giovedì, 7 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’IVA assolta dal soggetto passivo residente mediante il meccanismo del reverse charge sulle spese per servizi infragruppo resi da soggetti esteri deve essere riconosciuta come detraibile, anche qualora siano contestate l’incongruità della spesa o il comportamento antieconomico dell’impresa residente.
La detraibilità dell’IVA assolta con il meccanismo dell’inversione contabile non può essere disconosciuta – o almeno non de plano – da un sindacato sulla mancata inerenza del costo nell’ambito delle imposte dirette.

A chiarirlo è l’Associazione italiana dottori commercialisti (AIDC) nella Norma di comportamento n. 205 diffusa il 16 ottobre 2019, affermando che, ai fini della detraibilità dell’IVA, all’impresa residente spetta solo la dimostrazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU