X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 8 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Omessa indicazione dei costi black list con decadenza quinquennale

Non può operare l’allora vigente termine quadriennale per l’accertamento

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 23 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Prima della riforma apportata dalla L. 208/2015, i termini di accertamento in caso di dichiarazione presentata e i termini di contestazione delle sanzioni non coincidevano, differenziandosi di un anno.

Infatti:
- l’avviso di accertamento di recupero del maggior tributo, e di irrogazione contestuale delle sanzioni connesse all’evasione (pensiamo alle classiche sanzioni su dichiarazione infedele, fatturazione, detrazione) andava notificato, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione;
- l’atto di contestazione delle sanzioni su violazioni non collegate al tributo andava, e va tuttora, notificato, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di commissione della violazione.

L’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU