X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Contributi integrativi versati dal professionista cancellato dall’Albo non ripetibili

Per la Cassazione la restituzione di tali contributi sarebbe contraria alla loro funzione solidaristica

/ Giada GIANOLA

Sabato, 23 novembre 2019

Con la sentenza n. 30571, depositata ieri, la Cassazione ha confermato un principio già espresso con la risalente pronuncia n. 10458 del 21 ottobre 1998 in materia di ripetizione dei contributi integrativi di cui all’art. 11 della L. 576/80 (Riforma del sistema previdenziale forense), versati dal professionista in favore della Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense.

Nello specifico, i giudici di legittimità hanno affrontato il caso della restituzione al professionista (più precisamente, ai suoi eredi) cancellato dall’Albo a causa dell’esercizio della professione in regime di incompatibilità, derivante dallo svolgimento di attività di socio amministratore di società commerciale, poi cancellato retroattivamente dalla Cassa forense, dei contributi integrativi dal medesimo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU