X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

IMPRESA

Rimesse solutorie revocabili anche senza revoca del mandato

Irrilevante che il mandato all’incasso sia conferito fuori dal periodo sospetto

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 28 novembre 2019

Con sentenza n. 31044, depositata ieri, la Cassazione stabilisce che, ai fini della revocatoria fallimentare di rimesse aventi funzione solutoria, è irrilevante la circostanza che il mandato irrevocabile all’incasso sia stato conferito alla banca all’infuori del “periodo sospetto”, dal momento che è la singola rimessa e non il (presunto) rapporto ad essere oggetto di declaratoria di inefficacia.
Gli atti solutori, infatti, indipendentemente dalla revocabilità del mandato, restano autonomamente revocabili (art. 67 del RD 267/42).

La vertenza impatta sul tema dell’inefficacia delle rimesse effettuate da una società – all’epoca dei fatti in bonis e successivamente in amministrazione straordinaria – sul conto corrente intrattenuto con un istituto bancario.
Con la

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU