X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Trasferimento cross border di denaro via bonifico con incertezze sull’imposta di donazione

I dubbi sul luogo in cui si debba considerare «esistente» il denaro donato rendono difficile definire la territorialità dell’imposta

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 29 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Particolare interesse assume il trattamento fiscale, ai fini dell’imposta di donazione, del trasferimento di denaro cross border, attuato mediante bonifico bancario.
Ci si riferisce, nel dettaglio, al caso di una liberalità in denaro effettuata da un soggetto non residente in Italia con disponibilità provenienti da un conto corrente intrattenuto presso un istituto di credito estero nei confronti di un altro soggetto, residente in Italia, titolare di conto corrente intrattenuto presso un istituto di credito italiano.

Sul tema, l’art. 2 del DLgs. 346/1990 delimita territorialmente la pretesa impositiva italiana in base alla residenza del donante, alla data della stipula dell’atto di donazione, specificando che nell’ipotesi in cui, a tale data, il donante non sia residente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU