X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inammissibilità senza firma digitale nel processo tributario telematico

Principio condivisibile solo se la firma non sia desumibile da altri elementi

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 16 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per garantire il corretto funzionamento del processo tributario telematico, obbligatorio per gli atti processuali introduttivi notificati a mezzo PEC dal 1° luglio 2019, sono state previste alcune regole formali che devono essere rispettate.

In particolare, i ricorsi introduttivi devono essere predisposti nel formato c.d. “nativo digitale”, sottoscritti digitalmente dal difensore e devono essere notificati a mezzo PEC. All’atto della costituzione in giudizio, inoltre, sia gli atti processuali che gli allegati devono essere firmati digitalmente dal difensore.

Nonostante il legislatore non abbia previsto una sanzione per il mancato rispetto delle regole introdotte per il corretto funzionamento del processo telematico, dall’analisi delle recenti sentenze si ha conferma che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU