X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La dilazione dei ruoli non è mai indice di acquiescenza

/ Caterina MONTELEONE

Mercoledì, 5 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il processo si estingue in caso di rinuncia al ricorso ai sensi dell’art. 44 del DLgs. 546/92, il quale prevede che “la rinuncia non produce effetto se non è accettata dalle parti costituite che abbiano effettivo interesse alla prosecuzione del processo. La rinuncia e l’accettazione, ove necessaria, sono sottoscritte dalle parti personalmente o da loro procuratori speciali, nonché, se vi sono, dai rispettivi difensori e si depositano nella segreteria della commissione”.

Benché la norma sia chiara nell’indicare i requisiti necessari perché si verifichi la rinuncia al ricorso, nel corso del processo il contribuente può porre in essere condotte a fronte delle quali sorge il dubbio che se egli abbia inteso rinunciare alla prosecuzione della lite.

Si pensi al caso in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU