X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Spa parte civile nel processo per reati tributari contro il legale rappresentante

Il nuovo art. 25-quinquiesdecies del DLgs. 231/2001 cambia il quadro normativo ma il principio resta valido se è esclusa la responsabilità dell’ente

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 29 gennaio 2020

Con la sentenza n. 3458 depositata ieri, la Cassazione ha affermato la legittimità della costituzione di parte civile di una spa nel processo penale per reati tributari a carico del suo legale rappresentante. Si tratta tuttavia di un principio di diritto che occorre rimodulare a fronte dell’attuale contesto normativo, profondamente modificato con l’inserimento di alcuni reati tributari (art. 25-quinquiesdecies) nel DLgs. 231/2001.

La Corte ha ritenuto legittima la costituzione di parte civile della società, in nome della quale il ricorrente aveva agito quale amministratore, e corretta la condanna di questi al risarcimento del danno a favore dell’ente per i danni provocati dai reati tributari contestatigli ex artt. 2 e 8 del DLgs. 74/2000.

Per la Corte la legittimazione ad agire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU